irriverente.com
Home Gossip

Si Avvera il Sogno dei Grandi, Nasce il #Plasmondeigrandi ed Ora Non “Ruberai” Più i Biscotti di Tuo Figlio!

[gard align='center']

Buoni, sani, leggeri e nutrienti, questi sono i biscotti Plasmon. Da generazioni utilizzati nella prima fase di crescita per via delle loro indubbie proprietà nutritive unite al gusto (che non guasta).

Un biscotto iconico che tutti abbiamo mangiato da bambini e “rubato” almeno una volta ai nostri figli… ora non sarà più necessario perchè in commercio sono arrivati da qualche settimana i cosidetti #Plasmondeigrandi:

“E’ un biscotto pensato per tutta la famiglia – ci raccontano in Plasmon – che mantiene le caratteristiche distintive di qualità Plasmon, attraverso una scelta consapevole degli ingredienti, un livello di grassi inferiore alla media dei frollini più venduti (ben il 50% in meno), senza olio di palma e con le vitamine e i sali minerali necessari a dare la carica giusta per l’intera giornata.”

Stessa forma ma diversa consistenza per renderlo “inzuppabile” nel caffè, nel latte o nel thè a colazione o per la merenda.

Lo potete trovare in due varianti: ai 5 cereali, per i più attenti all’alimentazione e gli sportivi e con gocce di cioccolato per i più golosi.

Ma com’è nata l’idea?

“L’idea è nata ancora una volta dall’ascolto della rete e dallo studio di quello che è un vero e proprio fenomeno che spopola sui social network: persone di tutte le età continuano a postare foto che hanno come protagonista l’iconico biscotto Plasmon, riproposto sotto forma di food art legato ad ingredienti golosi, o semplicemente ritratto in situazioni di vita quotidiana. Quello che più ci ha colpito, è stato notare come ogni foto o tweet, si accompagnasse a valori positivi, legati alla sfera affettiva, alle amicizie, al proprio passato. Tutto è nato da qui. Abbiamo poi condotto diversi studi per capire l’andamento dei consumi e la sfida è stata chiara: trasformare un acquisto che in età adulta diventa occasionale, in un gesto quotidiano da condividere con tutta la famiglia”.

Buzzoole

Ti sembra possibile? Tu che ne pensi?