irriverente.com
Home Televisione Sanremo

Sanremo 2014, le grandi assenze: da Marco Mengoni a Emma e Antonio Maggio

GARD Pro Not Registered

GARD Pro Not Registered

Il 18 febbraio partirà la prossima edizione del Festival di Sanremo, per quattro giorni ci farà compagnia questo grande evento canoro e speriamo anche della musica decente! Neanche il tempo di annunciare i partecipanti, che scattano le polemiche riguardo le grandi assenze dei cantanti usciti dai talent show come Amici, XFactor e quest’anno anche The Voice.

Qualche giornale si ribella a questa visione, dicendo che su 14 cantanti ben due provengono dai talent: Giusy Ferreri e Noemi…Sicuramente queste due cantanti non rappresentano giovani cantanti appena usciti dai reality. Giusy Ferreri ha vinto XFactor nel 2008 e ha già mosso i suoi primi passi nel mondo discografico. Stesso discorso per Noemi, uscita da XFactor nel 2009, non come vincitrice, annovera tra le sue esperienze quella di giudice a The Voice, prima edizione italiana. A proposito: qualcuno si ricorda chi ha vinto la prima edizione di The Voice? Forse sarebbe il caso di puntare su meno trasmissioni sui talent e davvero a quelli che meritano la possibilità di sfondare.

GARD Pro Not Registered

Comunque, tornando a Giusy Ferreri e Noemi, non si tratta proprio di novelline. Quando penso alle assenze di questo Festival penso al vincitore dello scorso anno Marco Mengoni, a Emma che ha trionfato nel 2012, perfino Antonio Maggio, vincitore delle giovani proposte dello scorso anno, quindi di diritto tra i big, non è tra i concorrenti.

E poi come non parlare di altri “illustri assenti” come Moreno Donadoni, primo classificato ad Amici 12, Michele Bravi, appena proclamato vincitore di XFactor 7, sapientemente nominati tra i partecipanti poco prima dell’annuncio ufficiale del cast e poi misteriosamente caduti nell’oblio sanremese. Un modo come un altro per richiamare i fan del giovane rapper e sfruttare la scia di X Factor?

Al settimanale Chi, Claudio Cecchetto, produttore discografico, si esprime così sulla faccenda: “Un turno di riposo mi sembra giusto. Primo, quelli che escono da lì hanno già avuto la loro grossa opportunità; secondo, il loro pubblico si è troppo abituato a valutare il successo di un cantante attraverso gli sms da casa e spesso falsa il giudizio”.

Ci chiediamo se, ogni volta che si vuol dipanare una matassa su chi merita o non merita il successo, si debba risolvere passando la responsabilità al pubblico che si abitua ad un certo meccanismo, non capisce la differenza tra i vari programmi e vota non per il talento, ma per la simpatia. Ma il pubblico che vota da casa non è lo stesso che compra i dischi? D’altra parte a giudicare i brani di Sanremo è chiamata la famosa giuria demoscopica che non è altro che un campione di pubblico scelto non tra esperti. Dunque anche il giudizio sulle canzoni e sui cantanti di Sanremo, potrebbe non essere corretto e dettato da simpatia?
Staremo a vedere!

Lascia una replica

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.