irriverente.com
Home Spettacolo Cinema

Massimo Troisi, a 20 anni dalla scomparsa un documentario. La clip delle migliori scene

GARD Pro Not Registered

GARD Pro Not Registered

Massimo Troisi è morto a soli 41 anni, il 4 giugno del 1994, a 20 anni dalla scoparsa di uno degli artisti più rimpianti del cinema italiano Rai 3 lo ricorda questa sera alle 23.10 con un documentario, “Massimo, il mio cinema secondo me”, prodotto da Publispei per la regia di Raffaele Verzillo.

Tra i suoi film più conosciuti l’attore e regista ci ha lasciato “Ricomincio da tre”, “Non ci resta che piangere” e “Il postino”.

GARD Pro Not Registered

Per la prima volta per il grande pubblico il documento era stato presentato con un clamoroso successo durante l’ultima edizione del Festival internazionale del film di Roma.

A rendere prezioso il racconto anche foto, video ed un’intervista dello stesso Troisi rilasciata nel 1993.

Mariagrazia Cucinotta racconta a Leggo.it la sua gratitudine per Massimo Troisi

Lanciata da Il postino, l’attrice-icona di Massimo Troisi ricorda l’attore e regista a vent’anni dalla scomparsa, il 4 giugno 1994. 
Il suo incontro con Troisi?
«Ero giovanissima, molto timida e terrorizzata, perché a volte non capivo ciò che diceva per il modo in cui parlava. Lui ha capito comeero e con me ha sempre avuto grande pazienza». Cosa conserva di prezioso di quel set?
«La sua lezione di vita era che vince sempre la semplicità. Mi consigliò di essere naturale quando recitavo. Quel film è speciale anche perché è pieno di piccole imperfezioni, quindi di verità». Se potesse tornare indietro cambierebbe qualcosa di questi vent’anni?
«Avrei gestito il successo in un altro modo, tante cose le ho capite tardi. Ma sono contenta per avercela fatta: sono partita da un posto piccolo e sono arrivata a lavorare con Woody Allen, nei Soprano, in 007. Ho avuto l’umiltà di mettermi in gioco con la partenza in America, dove ero solo un numero, mentre in Europa mi adoravano». E cosa non cambierebbe?
«L’aver capito che questo lavoro porta facilmente all’egocentrismo, che poi viene pagato da chi ti sta vicino: marito e figli. Invece si può sbagliare un film, ma il ruolo di madre è per tutta la vita». Ora il suo lavoro è soprattutto quello di produttrice.
«Sì, vorrei rifare il grande cinema che ci ha reso famosi nel mondo, ma mi scontro con un sistema italiano un po’ misogino, che comunque mi considera un’attrice. Ho appena co-prodotto con la Cina un grande progetto con una sceneggiatura adatta alla loro censura e al nostro pubblico. Una commedia romantica con attori cinesi e italiani, tra cui me, Ninni Bruschetta e Sergio Assisi». E da attrice con chi sogna ancora di lavorare?
«Con Emanuele Crialese, l’unico che può raccontare l’Italia in modo sincero». C’è qualcosa che non ha avuto il tempo di dire a Massimo Troisi?
«Sì, una cosa: grazie».

1 replica a questo articolo

Lascia una replica

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.