irriverente.com
Home Società Moda

#GUCCIDANSLESRUES: LA NUOVA CAMPAGNA GUCCI FA DISCUTERE!

GARD Pro Not Registered

GARD Pro Not Registered

Da qualche tempo Gucci comunica la sua nuova immagine anche con grandi artwall, che ricoprono palazzi a New York e Milano (in largo la Foppa). L’immagine della campagna pre-fall 2018 sta facendo molto discutere. A ispirare il tema è infatti il ’68 francese e le sue proteste studentesche.

La campagna, pensata da Alessandro Michele, con immagini del fotografo Glen Luchford, si dice ispirata alle atmosfere delle nouvelle vague francese e dei film di François Truffaut e Jean-Luc Godard.

GARD Pro Not Registered

In rete però non sono state risparmiate le critiche. Per tantissimi commentatori, unire immagini di abiti griffati alla lotta per le rivendicazioni sociali e culturali degli studenti del ’68 oscilla tra il ridicolo e l’opportunista e soprattutto rivela una totale mancanza di memoria storica e conoscenza degli eventi.

Il dibattito è aperto, e non conosce sosta, con l’hashtag #Guccidanslesrues.

L’IMPERO GUCCI: CURIOSITÀ CHE NON SAPEVI SUL PRESTIGIOSO BRAND

La nuova campagna Gucci Pre-Fall 2018 trasporta un’eclettica tribù di giovani sognatori nel maggio del ’68, durante il risveglio studentesco nella capitale francese. Gli scatti in bianco e nero di Glen Luchford, contraddistinti da uno stile documentaristico, sono intrisi dello stesso spirito di cambiamento dell’epoca.

La nuova campagna Gucci Pre-Fall 2018 mette in scena l’occupazione degli studenti in un campus universitario. Animati da ottimismo, idealismo e passione, i protagonisti rievocano la grande mobilitazione studentesca alla Sorbonne nel maggio del ’68. Il cambiamento giovanile proposto da Gucci prende le sembianze di una rivoluzione romantica: i giovani rivoluzionari recitano i versi del poeta simbolista Rimbaud e si ritrovano al grido di Liberté, Egalité, Sexualité. Il video della campagna è un richiamo allo stile audace, sperimentale e iconoclasta dei registi francesi della Nouvelle Vague a cavallo tra gli anni ’50 e ’60.

Art director: Christopher Simmonds
Creative director: Alessandro Michele

Music: Crispy Bacon
Artist: Laurent Garnier
Composer: Laurent Garnier
(P) 1997 F Communications
With the courtesy of [PIAS]
Publishing: Basic Groove Publishing

Un periodo, quello del 1968 francese, difficile da dimenticare: le manifestazioni di protesta degli studenti universitari, l’occupazione nel maggio di quello stesso anno della Sorbona, le battaglie tra movimenti studenteschi di sinistra e le forze dell’Ordine.

Un momento fattosi iconico e rappresentativo della forza del rinnovamento introdotta dalle nuove generazioni già in molte pellicole cinematografiche, come in The Dreamers di Bertolucci. Immagini e atmosfere a cui Gucci torna, a modo suo, per la campagna della Pre-Fall 2018, con un video.

Gucci Dans les rues, infatti, manda in scena l’occupazione di un campus universitario, rendendo un dovuto tributo anche ai registi dell’epoca, in primis quelli della Nouvelle Vague, Truffaut e Godard (ed in effetti la scena nella quale i ragazzi corrono per i corridoi universitari ricorda molto un momento di Bande à part, pellicola culto di Godard con Anna Karina). Tra lezioni di poesia che citano Arthur Rimbaud, scritte sui muri che rievocano lo slogan del periodo “Liberté, égalité, sexualité”, il sessantotto si priva del suo carattere provocatorio e divisivo per farsi romanza di uno spirito che accomuna i giovani di allora, a quelli di oggi. Sogni, speranze, e ribellioni inclusi.

*Marchi e diritti d’autore della Major League Baseball sono utilizzati con il permesso di Major League Baseball Properties, Inc.

Ti sembra possibile? Tu che ne pensi?