irriverente.com
Home Società

Ferie e vacanze, l’Abc del conto alla rovescia

GARD Pro Not Registered

GARD Pro Not Registered

Si dice che l’attesa del viaggio sia essa stessa il viaggio. Ciascuno vive il tempo che lo separa dalla meritata vacanza in modi differenti. Che si tratti di un’esperienza in solitaria per mettersi alla prova, oppure del tour con la famiglia, del viaggio di nozze o della vacanza con un paio di avventurosi amici non ha importanza: quando la fatidica data si avvicina, non si sta più nella pelle. Alcuni riescono a preparare la valigia all’ultimo momento, dimenticando immancabilmente qualche cosa di particolare (pigiama e spazzolino da denti sono in cima alla lista).

Altri invece mettono in piedi una vera e propria rete di informazioni per non arrivare assolutamente impreparati o in ritardo all’appuntamento con le ferie. Tra un acquisto ad hoc che potrà servire in viaggio e il conto alla rovescia che nell’ultima settimana diventa una musica celestiale in sottofondo alle giornate. L’arrivo all’aeroporto è l’inizio di un’avventura: quando si inizia a sentire la voce registrata che annuncia l’apertura del gate vuol dire che manca davvero poco. L’atmosfera si scalda, i documenti alla mano per superare il metal detector: è il momento di ingannare l’attesa prima di salire a bordo. Aprite una delle app contenute nello smartphone: se già non avete quello che fa per voi, connettendosi alla rete dell’aeroporto basterà scaricare qualche app dai siti più popolari, una guida per il viaggio o un organizer dove inserire le cose da fare e da vedere. Tutto per riuscire ad arrivare al fatidico momento di posizionare i bagagli a mano nella cappelliera.

GARD Pro Not Registered

Volare che passione, come combattere le fobie

Salire sull’aeroplano e dare il buongiorno (o il buonasera, dipende dall’ora della partenza) alle hostess che controllano un’ultima volta il vostro ticket Ë davvero il momento più bello di tutti: l’attesa Ë finita. Ci si siede al proprio posto in attesa del decollo, iniziando a sfogliare distrattamente il giornalino di bordo. Viaggiare è un sogno e volare Ë una passione innata, un desiderio naturale dell’uomo da sempre. CíË perÚ anche chi questo momento lo vive davvero male, perchè ha una fobia che lo frena. Ma Ë una paura che può essere combattuta, assieme a quella per le turbolenze: non Ë infatti quella di affidarsi a un sonnifero l’unica soluzione possibile. C’è un’idea che arriva da una compagnia americana, che passa anche attraverso alcuni accorgimenti di relax in grado per esempio di garantire un’illuminazione particolare per quel passeggero.

Viene offerta la possibilità di fare delle vere e proprie sedute di meditazione, con una full immersion attraverso degli schermi su ogni sedile e con l’ausilio di una app. Si va dalla meditazione pensata e strutturata per chi ha la fobia dell’aereo e del volo fino a quella per chi voglia andare alla ricerca di se stesso ad alta quota approfittando del tempo di viaggio. Ci sono anche programmi pensati per contrastare il jet lag con i suoi noiosi effetti e altri per facilitare il sonno.

Esercizi di respirazione potranno poi essere fatti durante i momenti di brusche turbolenze. E tutto questo a prescindere dalla possibilità “classica” di distrarsi con film e serie tv.

Ti sembra possibile? Tu che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.